Resetta password

I vostri risultati di ricerca

Cilento da mangiare

Pubblicato 4 maggio 2016 by ckey
Andare alla scoperta del Cilento non significa soltanto restare sorpresi dalla rigogliosa natura del suo Parco Nazionale fatta di mare cristallino e spiagge mozzafiato, dolci colline e aspre montagne, o visitare i suoi siti archeologici, i castelli, le abbazie, i casali e gli antichi centri storici. Per amare davvero il Cilento bisogna assaggiare i prodotti della sua terra e gustare le ricette più tipiche. Ecco alcuni dei sapori da non perdere: LA REGINA DELLA TAVOLA I sapori unici, gli aromi e le fragranze dei prodotti caseari dei caseifici cilentani sono il risultato di un lungo e meticoloso lavoro di trasformazione artigianale del latte di bufala. Attraverso la visita guidata delle aziende si potrà conoscere l’arte dei maestri caseari che con meticolosità ed attenzione curano il processo di maturazione dei formaggi stagionati con la stessa passione con cui realizzano esclusivamente a mano la “mozzatura” della mozzarella. L’ORO DEL CILENTO La coltivazione dell’ulivo è, da sempre, strettamente legata al Cilento. Le prime piante risalgono ai Focesi e ai Greci che le impiantarono in tutti i territori colonizzati e, quindi, anche nel Cilento. Visitando il territorio che va da Velia a Paestum, si posso ammirare le antiche rovine delle civiltà antiche incorniciate da secolari piante d’ulivo. La Salella e la Pisciottana sono le cultivar autoctone più diffuse. Anche in questo caso i frantoi sono disponibili per visite guidate e degustazioni. IN VINO VERITAS Alcune zone del Cilento, mai interessate da colture intensive, per clima e per posizione sono diventate il regno del vino. Così i vitigni di fiano, aglianico e greco, impiantati oltre duemila anni fa dai Greci, sono “allevate” con cura e rispetto. Una ricca degustazione nelle più note cantine cilentane vi condurrà in un mondo fatto di sapori vivaci e un indimenticabile bouquet di profumi. IL DOLCE DEGLI DEI. Alimento antico amato dai Greci e dai Latini, il fico bianco, riconsegnato alla cultura alimentare locale, ritorna poderosamente sulle nostre tavole. Un grande opificio si trova a Torchiara, si tratta di un vero e proprio museo. Oltre a mostrare i processi di produzione sarà interessante osservare come ogni singola opera d’arte a base di fichi venga preparata rigorosamente a mano, utilizzando le antiche tecniche contadine tramandate da madre in figlia. Il tour si concluderà con una deliziosa degustazione.
Categoria:: Blog, Esperienze